Liberate Nay Phone Latt!

Arrestato perché blogger, blogger perché oppresso dal regime dei generali assieme al suo popolo. E condannato a venti anni di carcere per aver contestato la giunta militare.
Il suo nome è Nay Phone Latt, e Reporter Sans Frontieres e l’Associazione dei media birmani (Bma) giustamente protestano e chiedono ai blogger di scendere in campo, pubblicando la sua foto e raccontando la sua storia.
Segnalato da Nora (spagnola) a Rob (italiano sempre più anglofono), ora lo riprendo pure io, lettore di Rob, ma utilizzo quel poco che c’è in italiano nel Web. E speriamo che serva a qualcosa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...